Notizie

E ancora su Malevich: a Kiev, la Casa degli artisti è stata sorpresa mettendo duecento "astrazioni"

Kiev continua a celebrare l'anniversario della "Piazza Nera" di Kazimir Malevich. Un'esibizione all-ucraina di pittura astratta di grandi dimensioni, che ha aperto nella Casa centrale degli artisti, è dedicata al centenario del dipinto più famoso del XX secolo (e allo stesso tempo, l'80 ° anniversario della morte del suo autore)."Dio non si spaccherà": a giudicare da quello che ha visto, e dopo cento anni, l'arte astratta in Ucraina è in cima. Certo, ora dà, piuttosto, la pittura a Gerhard Richter e Mark Rothko, che ricorda il Suprematismo.Dal momento in cui, come idea dell'esposizione ucraina di pittura astratta, è arrivato alla testa del curatore Igor Voloschuk, questo progetto è stato probabilmente il più impossibile da realizzare a Kiev e in tutta l'Ucraina. Ma il signor Voloschuk è anche un deputato. Presidente del consiglio di amministrazione di NUAU, la "persona principale" nella Casa centrale degli artisti, quindi la giornata inaugurale, che è stata più monumentale di forse la prima Biennale di Kiev ARSENALE nel Mystetsky Arsenal, potrebbe aver avuto luogo. Dopotutto, qualunque cosa tu dica, ma per osare di raccogliere in un progetto, e quindi inconsapevolmente fare l'oggetto del confronto reciproco, duecento (!) Dipinti esclusivamente "astratti" (alla Biennale, almeno, c'erano vari generi diversi di arte, scultura e anche media) immediatamente 120 (!) artisti molto diversi da diverse parti dell'Ucraina, è necessario essere una persona molto coraggiosa (e, dato che è astratta, con un buon senso dell'umorismo).Peter Antip. L'unità degli opposti. Pietra rossa 2014Curatore della mostra, direttore della direzione della mostra dell'Unione nazionale degli artisti dell'Ucraina, vicepresidente del consiglio dell'Unione nazionale degli artisti dell'Ucraina Igor Voloshchuk durante l'apertura del progetto Foto dalla pagina ufficiale di Facebook.

"Casino" (2014) di Peter Lebedinets prende uno dei luoghi centrali della mostra. Lo stesso Lebedinets è uno dei più famosi e costosi artisti ucraini contemporanei al mondo. I libri sono scritti e i film sono fatti. Ma soprattutto, gli straordinari colori "puliti" delle grandi tele di Lebedinet sono davvero impossibili da dimenticare, vale la pena vedere "live" almeno una volta.

Come descriveresti più accuratamente l'impressione di un pavimento "domestico" illimitato, ogni metro corrente di cui è appeso con tele "non figurative" sotto Gerhard Richter "o Mark Rothko? "Cantiamo una canzone alla follia dei coraggiosi!" - questo, forse, la frase immortale di Maxim Gorky può servire come uno slogan ideale per la mostra. È vero - follia: immaginando in anticipo l'effetto cumulativo, cercando ancora di presentare in una mostra "tutti" la pittura astratta ucraina per diversi anni, a partire dagli anni '90. E la stessa "pazzia" - partecipare a questa impresa.Yuri Goncharenko. Viaggio verso la palla gialla brillante al sole. 2004Le astrazioni in ucraino non sono solo i colori chiari e riconoscibili della tavolozza, che riecheggia l'arte popolare, ricordando l'influenza dei Boychukisti e Grigory Krichevsky sui pittori ucraini. Questo è anche l'amore per la tecnologia mista! Così, da Kiev, Yuri Goncharenko (nato nel 1964) ha esposto il suo quadro, come un mosaico - dallo smalto.Ivan Marchuk. Dal ciclo "Look into infinity", 2008.
Ivan Marchuk è un artista-mito, una figura "con una biografia", attorno al quale si costruisce da solo un mito biografico sul talento, "per asper hera aster" che sconfigge tutte le avversità, compreso il destino malvagio, e alla fine non compreso dai contemporanei mondani. Bene, i giornali ucraini hanno definito il genio di un anziano pittore negli ultimi 15-20 anni. Una volta il presidente Yushchenko prese parte alla posa della prima pietra per il museo di Ivan Marchuk, ma il progetto non fu mai attuato. Ciò che non impedisce a Marchuk e oggi di esibire e scrivere attivamente tutti i nuovi lavori, annunciando l'inizio del prossimo periodo nel suo lavoro.

Yuri Vakulenko. Scala verso il cielo 2014
Yuri Vakulenko non è solo il direttore di uno dei tre principali musei ucraini di arti visive, il Museo russo. È anche conosciuto come collezionista e artista prolifico. Le mostre a Vakulenko si tengono abbastanza regolarmente, più spesso partecipa a esposizioni collettive.

Sfortunatamente, molti degli autori ucraini generalmente riconosciuti di "non figurativi" non hanno osato partecipare al divertimento generale. È ancora più facile nominare quale dei "nomi" della prima riga del progetto è, piuttosto che elencare quelli che non lo sono. Dove (dichiarato, a proposito, nel programma) è il "padre" del nefigurativ ucraino Tiberio Silvashi, così come sua figlia e il successore ideologico Ilona Silvashi? Dove, ci si chiede, è finito un altro "classico vivente", il leggendario Igor Yanovich? Come si può immaginare il "non figurativo" domestico senza la "guardia dell'aerante artistico" - Matthew Weisberg e le opere del compianto Mark Geiko? O senza il "primo" Oksana Chepelik? Finalmente, senza Alexander Klimenko? Vladimir Budnikov? ... L'elenco potrebbe continuare. Inoltre, quasi ogni primo artista domestico, sia "topico" che non, si è cimentato nella pittura astratta al tempo dell'hobby transavangard negli anni 90. Beh, la presenza di opere pittoriche di maestri come Peter Lebedinets, Ivan Marchuk, Peter Antip (la sua "Pietra rossa" è una delle dominanti semantiche dell'esposizione nel suo complesso), Alexander Dubovik (il secondo "dominante" del progetto). Vorremmo citare la partecipazione alla giornata di apertura di Elena Ryzhikh, Sergey Savchenko, Yuri Vakulenko ...

Galina Kovozhenets, Leopoli. Porte d'oro. 2014
Un altro esempio dell'influenza dell'arte popolare su un artista professionista. Inoltre - un sacco d'oro!

Alla Alekseeva, Kiev. Fantasia a colori, 2013Igor Dorosh, Ternopil. In azione con ... 2012, la città di Yesinenko, Kiev. FIESTA. 2015.Top - lavoro creato non senza l'influenza di uno dei più famosi rappresentanti dell'avanguardia ucraina-2, l'artista Igor Yanevich. Di seguito l'influenza di Tiberio Silvashi. E Pollock, ovviamente.Nikolay Sokolov, Kiev. City-2. 1996 Anche non si crede che l'etude del petrolio sia uno schizzo educativo che l'artista usa per studiare la natura. Una tale ricetta per l'artista, in cui tutto è semplice e chiaro. Un etude è scritto in modo rapido, preciso, schematico, letteralmente sul ginocchio - questo è un modo comprovato per toccare il mondo e catalogarlo. Ma lo stato di etude nella storia dell'arte è così instabile che a volte acquista un valore molto più del quadro finale, per il quale ha servito come aiuto. È circondato da una seria cornice ampia - e issato sulle pareti del museo. Quindi, in quale caso, si tratta di un'opera di riscaldamento studentesco, e in cui si tratta di un'opera indipendente, vivace e preziosa? Leggi oltre su cartone, scritto chiaramente sotto l'influenza del cubismo (o del cubofuturismo piuttosto domestico!), È sopravvissuto ed è presente alla mostra oggi. La maggior parte delle opere degli anni '90 nel decennio successivo al crollo dell'Unione Sovietica sono state esportate dall'Ucraina all'estero. Guardando l'esposizione, sorge la domanda sull'integrità del concetto di progetto. In mostra, ad esempio, le nuove opere filosofiche del maestro degli "anni Sessanta" Ivan Marchuk e dei dipinti anticonformisti degli anni '70 di Alexander Dubovik, un salone di alta qualità completamente moderno creato dal direttore del Museo russo Yuri Vakulenko e la tela del "genio dei colori" Peter convivono Lebedynets e così via: supponiamo che una "pila di tutto" visualizzata allo stesso tempo sia spiegata dal naturale desiderio del curatore di dimostrare l'intero "spettro" della pittura astratta nell'Ucraina moderna. Ma un tale miscuglio è ammissibile senza un tentativo di comprendere tutto coerentemente, e di mescolare l'arte "senza trama" di "un'astrazione di Richter" con l'inutile "a la Malevich"?Elena Ryzhih. Composizione verde Composizione rosa (Entrambi - 1998)
Elena Ryzhykh è la figlia dei famosi artisti degli anni sessanta Victor Ryzhikh e Galina Neledva. Ma non è nota per questo: Elena è una talentuosa colorista e paroliere in pittura. I suoi dipinti riflettono esattamente il carattere del suo autore: sottile, poco appariscente, ma con carattere.Alexander Dubovik. Open Doors, 2004. Il nome di Alexander Dubovik sarà sicuramente incluso nei libri di testo sulla storia dell'arte del XX secolo. Ma mentre in Ucraina stanno solo scrivendo, c'è un'opportunità per parlare di persona con la leggenda del non conformismo artistico durante una delle sue mostre. Dubovik è conosciuto come una persona profonda intellettuale e molto intelligente.Alexander Dubovik. Mutazioni fondamentali, 2012. Un altro giro della stessa domanda sull'unità del concetto - chiarirò l'idea con un esempio specifico. Ogni figura geometrica nei dipinti di Alexander Dubovik ha un significato simbolico, e in generale, la sua pittura è un concetto filosofico specifico e altamente sviluppato. E Peter Lebedynets "pensa" con il colore, e questi non sono solo approcci diversi alla pittura, ma eccellenti, si potrebbe dire, le sue epoche, una delle quali è per l'avanguardia1 (Dubovik), e l'altra è semplicemente la quintessenza dell'avanguardia2. Ma dall'esposizione di questa stessa cosa (la differenza tra "non-figurine" che provocano avanguardie, trans-avanguardia e semplicemente stampe popolari borghesi) non è visibile. Alla ricerca del numero di opere, "cavalli, persone" mescolati in un mucchio, e la stessa storia della pittura astratta in Ucraina sembrava dissolversi tra la mescolanza di opere. Un peccatoOleg Nedoshitko, Odessa. Penetrazione del 2013. Come molti colleghi di oggi, Oleg Nedoshitko di Odessa ha scritto la sua composizione lirica con colori acrilici. Non sminuisco dal concetto creativo - ho appena pensato che, in effetti, i prezzi del petrolio sono "mordenti". I tempi in cui gli artisti domestici si permettevano di "scolpire" i dipinti da molti strati di pittura a olio (questo era particolarmente diverso nell'Ucraina occidentale) ora sono percepiti come mitici.Alexander Belozor, Kiev. Il primo peccato 2014Igor Melnik, Kiev. Impressioni, 2014Alexey Malykh. Lunar eclissi I, 2013 Kiev Aleksey Malykh è un altro "classico vivente" della musica contemporanea ucraina. Di recente, su di lui ha sentito parlare meno di altri colleghi. Invano! Maestro chiaramente sottovalutato.Vladimir Batrakov, Lviv. Verdura, 2014Lesya Ros, Leopoli. Estate. Quadrato giallo Dal ciclo "The Seasons", 2008. Ricordiamo che l'evento è dedicato a Kazimir Malevich - il "pilastro" delle avanguardie e il fondatore del Suprematismo, e vi invitiamo a comporre le vostre impressioni del giorno di apertura.La mostra durerà fino al 26 aprile 2015.